In Evidenza

Sicilia, turismo ammalato di coronavirus. Ma nel Ragusano tengono le prenotazioni

Intanto negli aeroporti siciliani, secondo le disposizioni del Ministero della Salute, continuano i controlli per i voli in arrivo da destinazioni internazionali e dallo scalo di Roma Fiumicino

(26 febbraio 2020)

Fino a pochi giorni fa si pensava che il turismo siciliano non venisse intaccato da questa irrefrenabile psicosi da coronavirus e dalla conseguente valanga di cancellazioni da parte dei turisti stranieri e non. Un fenomeno che sta, anche esageratamente, sconvolgendo la società, tanto da chiedersi: è più pericoloso il virus o la paura di averlo? Aldilà della risposta, da Palermo e altre città dell’isola arrivano per l’appunto notizie non buone per quanto riguarda i danni causati al turismo e all’economia in generale.

Noi di Ialmo abbiamo contattato Rosario Dibennardo, amministratore delegato di Soaco e presidente di Federalberghi Ragusa. “È vero che sono state annullate tutte le gite scolastiche, – ci dice – ma in generale non è stato registrato nessun calo significativo per quanto riguarda i soggiorni nel ragusano. Ma non nego che siamo molto preoccupati perché il coronavirus potrebbe arrivare anche nella nostra provincia e, in vista della Pasqua e della primavera, le perdite per la nostra economia potrebbero essere notevoli”.

Intanto Sac, Soaco e Gesap, le società di gestione degli aeroporti di Catania, Comiso e Palermo, precisano che presso i tre scali la situazione è costantemente monitorata e sono in atto tutte le misure preventive predisposte dal commissario per l’emergenza Angelo Borrelli e dal Ministero della Salute. Congiuntamente dichiarano:“La direzione siciliana dell’USMAF ci ha informati che lo screening della temperatura corporea tramite termometri a infrarossi viene svolto dal personale del Ministero della Salute, Protezione civile e Croce Rossa su tutti i passeggeri in arrivo da destinazioni internazionali e su quelli in arrivo dallo scalo di Roma Fiumicino. Vista la situazione in costante evoluzione, sarebbe tuttavia opportuno e auspicabile che, da parte di USMAF e del Ministero della Salute, si possa rapidamente provvedere all’aumento del numero di addetti delegati alla misurazione della temperatura corporea”.

Oggi Palermo, unica città siciliana attualmente contagiata dal coronavirus, si è svegliata con l’invasione di mascherine nei volti di turisti e di qualche palermitano. E dall’Ars comunicano che Palazzo Reale, sede del Parlamento regionale siciliano, chiuderà per quattro giorni per consentire la disinfestazione dell’intero edificio.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close