In Evidenza

Maltempo: l’assessore Edy Bandiera tra Ragusa e Siracusa per visitare le zone più colpite

I sindaci dei comuni delle due province stanno predisponendo tutto per la dichiarazione dello stato di calamità naturale. Dai primi numeri, la situazione è davvero drammatica e il governo regionale da solo non basta

(25 febbraio 2019)

L’assessore regionale all’agricoltura, Edy Bandiera, è arrivato in tarda mattinata in alcune delle aziende e ai pescatori danneggiati dal maltempo del week end. Il rappresentante del governo regionale si è mosso tra le province di Ragusa e Siracusa, mentre gli ispettorati provinciali dell’agricoltura hanno avviato la conta dei danni. Dai primi sopralluoghi effettuati nei territori di Siracusa, Pachino, Portopalo e Ispica, sarebbero state totalmente distrutte il 30% delle strutture protette, un altro 20% è danneggiato.

Bandiera ha fatto sapere che il governo regionale ha già attivato l’istituzione del Fondo regionale di solidarietà, che ha una dotazione pari a 5 milioni di euro, ma non bastano e per questo è stata avviata un’interlocuzione col Ministero delle Politiche Agricole. “Le coltivazioni a campo aperto – ha detto l’assessore – sono state pesantemente compromesse, non solo dai forti venti, ma anche dall’abbassamento repentino delle temperature, che ha bruciato le coltivazioni. Abbiamo coinvolto alcuni deputati nazionali affinché il ministro fornisca un riscontro in tempi brevi”.

La Giunta comunale di Siracusa, intanto (che ha annunciato anche per domani la chiusura delle scuole perché oggi i sopralluoghi non sono stati ultimati), si dice pronta a deliberare la richiesta di dichiarazione dello stato di calamità naturale. “Siamo in attesa della quantificazione dei danni al patrimonio stradale ed infrastrutturale del Comune, che sono comunque ingenti” ha detto il sindaco Francesco Italia, che aggiunge: “Sotto il coordinamento dell’assessore Giusy Genovesi e del dirigente della Protezione civile Gaetano Petracca, tutto il personale dei settori interessati è al lavoro da stamani, dopo esserlo stato per tutte le giornate di sabato e domenica per gestire le emergenze. Invitiamo chiunque abbia subito un danno a predisporre la documentazione di rito corredata da foto e da qualsiasi altro atto che attesti il danno subito. Si tratta- dichiara l’assessore alla Protezione civile Giusy Genovesi- di documentazione necessaria per la presentazione di eventuali e future istanze per chiedere il riconoscimento economico rispetto alle perdite subite. A questo proposito sono stati predisposti appositi moduli disponibili on line sul sito del Comune. Le informazioni utili alla predisposizione delle pratiche possono essere richieste presso gli uffici della Protezione Civile, in via Elorina, o telefonando al numero 0931/449211 ( interni 207/ 247 ) dalle 9 alle 12 di ogni giorno”.

Sull’emergenza legata ai danni del maltempo interviene la parlamentare regionale del M5S Stefania Campo insieme alla collega Elena Pagana, che scrivono: “Abbiamo visto con i nostri occhi il vento abbattere serre e capannoni dei nostri agricoltori. L’assessore Bandiera attivi immediatamente tutti gli strumenti utili a dare risposte a chi a causa del maltempo ha perso tutto. Abbiamo depositato una mozione che impegna il governo regionale ad attivarsi immediatamente, ma non  rimanga lettera morta ancora una volta”. Le deputate si trovavano sui luoghi colpiti dal maltempo insieme all’europarlamentare Ignazio Corrao e al capogruppo M5S all’Ars Francesco Cappello, per una serie di incontri programmati in precedenza proprio quando il vento ha iniziato ad abbattere tutto. “Guardare le serre totalmente distrutte dal vento – spiega Stefania Campo – è un pugno allo stomaco. Insieme ai miei colleghi abbiamo già presentato l’ennesima mozione, peccato però che la lentezza di Ars e governo regionale sia un ostacolo per la Sicilia. Pensate infatti che solo domani, martedì 26 febbraio, l’Ars discuterà la mia prima mozione che è datata 2017”.

“La politica – sottolinea Elena Pagana ha il compito di agire immediatamente per dare risposte ai cittadini. Se non lo fa, ha fallito. Il Movimento 5 Stelle, a tutti i livelli sta dimostrando fermezza e vicinanza concreta, ma in Sicilia il potere esecutivo è demandato a Musumeci. Il nostro appello è quindi rivolto alla Regione. Musumeci faccia immediatamente la sua parte”. “E’ fondamentale – aggiunge l’eurodeputato Corraoche ci sia un alto livello di reattività delle istituzioni. Come siamo stati attenti a sottoporre a vari livelli istituzionali, le crisi e le difficoltà dei comparti agricoli e delle relative filiere. C’è bisogno di stare molto vicini ai settori produttivi della nostra terra perchè già soffrono di regole molto penalizzanti, come i trattati internazionali dovuti alla globalizzazione in generale ma se ci si mettono anche le condizioni atmosferiche, diventa praticamente impossibile stare sul mercato”.

In provincia di Ragusa, invece, il Sindaco di Modica, Ignazio Abbate, insieme al responsabile della Protezione Civile Comunale, Enzo Terranova, e al responsabile dei volontari Alessandro Cicciarella, ha effettuato un primo sopralluogo presso le aziende agricole maggiormente flagellate dall’ondata di maltempo di questo fine settimana. Contrada Gisirotta è stata la zona più colpita e dove si rilevano i danni più consistenti ad allevamenti bovini, ovini, suini e per quanto riguarda le colture arboree autoctone come carrubbi e ulivi. Il primo cittadino ha avuto modo di constatare in prima persona ciò che il fortissimo vento ha causato, raccogliendo le testimonianza dei diretti interessati. “Ci siamo già attivati direttamente con l’assessore all’Agricoltura, Edy Bandiera, ed il capo dell’Ispettorato Agrario, Giorgio Carpenzano, per richiedere lo stato di calamità naturale alla Presidenza della Regione e alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – ha detto Abbate – per ottenere un concreto sostegno in favore dei nostri imprenditori (sia agricoli che di altri comparti economici) e dei singoli cittadini, seguendo lo stesso iter che abbiamo fatto in occasione delle precedenti richieste legate a calamità naturali. I percorsi da seguire per ogni categoria sono diversi. Solo gli imprenditori agricoli dovranno presentare doppia istanza, corredata di materiale fotografico, dei danni ricevuti presso l’Ispettorato Agrario di Ragusa e l’Ufficio Comunale di Protezione Civile dell’Azasi. Per tutto il resto (privati cittadini o altri imprenditori) sarà sufficiente la sola istanza corredata di foto da presentare all’ufficio comunale di Protezione Civile. Qualsiasi istanza deve essere presentata in tempi celeri perché vogliamo accelerare al massimo la pratica da inviare agli organi competenti per ottenere il riconoscimento dello stato di calamità naturale. Siamo fiduciosi che, come accaduto per le alluvioni del 2017 e del 2018, le nostre istanze verranno accolte. E’ la terza volta in pochi anni – conclude il Sindaco – che la Città di Modica si trova suo malgrado a dover fronteggiare un’emergenza climatica così forte”.

A Ragusa, da questo pomeriggio è stato ripristinato il servizio di distribuzione idrica in quelle parti della città che sono rimaste sprovviste del servizio a causa dei danni causati dal maltempo e domani mattina saranno servite le altre parti della città la cui distribuzione è prevista nella prima parte della giornata. Le aree interessate sono: quartiere Palazzello, Croce, Cappuccini, zona contrada Petrulli con interessamento di via della Costituzione,viale dei Platani, via Archimede,via di Vittorio, via Risorgimento,via Ing. Migliorisi, via Ducezio, via Carducci,via Zama, via B.Croce, via V. Lorefice, via Giuseppine, via Duca D’Aosta e aree limitrofe.

Quanto a Vittoria, il dottor Gaetano D’Erba, in rappresentanza della Commissione straordinaria del Comune, ha partecipato stamattina a Ispica all’incontro organizzato dal Sindaco, Pierenzo Muraglie, con l’assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera. D’Erba, accompagnato dal dirigente della Protezione Civile comunale, Angelo Piccione, e dal Comandante della Polizia municipale, Cosimo Costa, ha fatto sapere che è in corso la conta dei danni subìti dalle aziende del territorio comunale. “L’assessore Bandiera – ha dichiarato al termine dell’incontro il commissario straordinario – oltre ad essere intervenuto tempestivamente, si è impegnato a verificare la possibilità di prevedere agevolazioni di tipo contributivo a favore delle aziende danneggiate. Rivolgo un invito agli agricoltori a segnalare i danni subiti agli uffici comunali della Direzione Sviluppo economico (telefono 0932/1876798 – mail dirigente.sviluppoeconomico@comunevittoria.gov.it) e all’Ispettorato agrario- sede di Ragusa (telefono 0932/6049211 – mail usaragusa@regione.sicilia.it)”.

Valentina Frasca

Tags
Mostra altro

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close