In Evidenza

Cani randagi fanno una strage di anatre e cigni alla villa comunale di Pozzallo

I poveri animali sono stati dilaniati probabilmente dallo stesso branco che aveva iniziato a destare preoccupazione dopo che, nella notte tra sabato e domenica, aveva sbranato dei gatti

(11 marzo 2019)

Che cosa è successo questa notte alla villa comunale di Pozzallo? Non è ancora ben chiaro, sta di fatto che quasi tutti gli animali che dimoravano al loro interno, e che erano quasi un’attrazione, soprattutto per i più piccoli, sono stati uccisi. Dilaniati, probabilmente dallo stesso gruppo di cani randagi che nei giorni scorsi era stato segnalato nel comune marittimo e che aveva iniziato a destare preoccupazione dopo che, nella notte tra sabato e domenica, aveva sbranato dei gatti davanti ad alcune persone.

In città in queste ore non si parla d’altro, ma nessuna  dichiarazione ufficiale è ancora arrivata da amministratori e consiglieri. Quello che non si capisce è come possano aver fatto questi cani ad entrare di notte nella villa. Probabilmente una delle porte laterali è stata lasciata aperta e gli animali si sono precipitati nella vasca, vuota in attesa degli interventi di manutenzione e pulizia in programma stamattina, per divorare le anatre, una decina circa, e due cigni neri. “Una scena straziante – commenta il veterinario che da sempre li ha avuti in cura, il dr. Enrico Astaper le anatre mute non c’è stato nulla da fare, uno dei due cigni è morto poco fa e il secondo presumo nelle prossime ore perché le ferite sono gravissime. Si sono salvati solo i due pavoni, maschio e femmina. Gli animali li ho cresciuti io e tutti li adoravano, i cigni Cesare e Cleopatra li abbiamo messi lì con tanto amore. Zingarella era l’anatra che faceva gli onori di casa. A questo punto credo che toglierò i pavoni dalla villa e non vi metterò più altri animali, a meno che dall’amministrazione non arrivino rassicurazioni ben precise relativamente alle porte ben chiuse e alla gabbie idonee”.

A Pozzallo, numeri alla mano, non si può espressamente parlare di un allarme randagismo, ma ora la paura è che questi cani, forse tre, normalmente docili e inoffensivi, facendo branco possano diventare pericolosi anche per l’uomo. Non è la prima volta, tra l’altro, che si verificano episodi simili; in un altro caso erano state delle galline ad essere prese di mira, ma mai il bilancio era stato così pesante.

Valentina Frasca

Tags
Mostra Altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close