In Evidenza

La terza marcia lenta per la SS 514: Santocono e Calabrese invitano alla partecipazione

"La politica ha fatto finta di sostenere il nostro patrimonio economico ed occupazionale, - ha detto il presidente di CNA - ma, nei fatti, lo ha preso in giro, lasciandolo senza quelle infrastrutture adeguate che potevano sostenerlo e migliorarlo"

(9 maggio 2019)

Ieri mattina al comune di Ragusa è stata presentata in conferenza stampa la terza marcia lenta organizzata per tenere alta l’attenzione sul progetto per il raddoppio della SS 514 Ragusa – Catania, in vista della prossima seduta del CIPE in programma questo mese. L’arteria attende di essere messa in sicurezza da decenni, e il territorio ibleo aspetta di essere degnamente collegato al resto dell’Isola in maniera dignitosa. Ma finora solo promesse e proclami, passerelle e tradimenti. Alla manifestazione di giorno 11 è stata garantita la partecipazione di sindaci e associazioni di categoria, sindacati e organizzazioni. In prima fila, come sempre, Giuseppe Santocono, in rappresentanza non solo della CNA iblea, di cui è presidente, ma anche del comitato nato proprio per vigilare sull’iter per il raddoppio. “L’economia del territorio ragusano – scrive Santocono – è caratterizzata dalla dinamicità delle microimprese agricole, artigianali, commerciali e turistiche. 11 attività di piccole dimensioni ogni 100 abitanti, capaci di creare lavoro reale e produttivo, reddito vero e risparmio sicuro. Senza di esse l’area iblea sarebbe economicamente un deserto. La politica, a parole, ha fatto finta di sostenere questo patrimonio economico ed occupazionale, ma, nei fatti, lo ha preso in giro, lasciandolo senza quelle infrastrutture adeguate che potevano sostenerlo e migliorarlo”.

“Il raddoppio della SS 514 Ragusa – Catania è l’esempio più lampante: 15 anni di promesse, di rinvii, di traccheggi. Noi come CNA non siamo rimasti immobili. Abbiamo manifestato, – prosegue Santocono – abbiamo partecipato a due marce lente e ai numerosi incontri al MIT e al MEF, con i Presidenti del Consiglio che si sono susseguiti. Sino ad arrivare al 2014, anno in cui è stata firmata la convenzione del progetto di finanza tra il Concessionario e il MIT. Sembrava fatta, invece abbiamo dovuto ricominciare a gridare per far sentire la nostra voce e il 21 dicembre scorso le solenni dichiarazioni da parte del Ministero per il Sud prima e successivamente del ministro Toninelli facevano intravedere il superamento di tutte le problematiche e l’imminente conferma. Era l’ennesimo miraggio. Ad Aprile è arrivato il solenne dietrofront. Il CIPE e i Ministeri competenti vogliono rivedere tutta la procedura dell’opera. L’ennesima presa in giro. Alle aziende, ai lavoratori di questo pezzo di Sicilia spetta aver accesso alla “modernità” e percorrere la Ragusa- Catania in sicurezza e in tempi certi. Sabato mattina, quindi, scendiamo nuovamente in strada a manifestare, assieme alle altre associazioni di rappresentanza datoriali e sindacali, ai sindaci e ai rappresentanti politici. L’approvazione del progetto definitivo al CIPE – conclude – è un atto dovuto. Basta con questa politica romana imbevuta di negazionismo nei confronti del Sud”.

“Sabato 11 maggio, in occasione della mobilitazione per la Ragusa-Catania, il Partito Democratico di Ragusa sarà presente come ha sempre fatto in circostanze analoghe”. Lo dichiara Peppe Calabrese, segretario cittadino del PD. “Noi non guardiamo al colore politico del governo o di chi organizza qualcosa come fanno altri – aggiunge – e ci siamo sempre quando le cose ci convincono e risultano essere utili per il territorio. Questa si chiama maturità politica. Ci saremo per difendere il lavoro fatto negli anni precedenti dal Partito Democratico a tutti i livelli. Se oggi parliamo di progetto esecutivo pronto alla cantierabilità, infatti, il merito è dei governi a guida PD e dei dirigenti locali che, con le proprie azioni, hanno sollecitato giorno dopo giorno chi governava a Roma ottenendo i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Oggi, però, la palla in mano ce l’ha questo Governo che dovrà dimostrare di avere la capacità di portare a termine il lavoro fatto da noi”.

“Invitiamo, quindi – conclude Calabrese – tutta la cittadinanza a partecipare, perché la realizzazione della Ragusa-Catania farà la differenza tra la ripartenza o la condanna di un territorio che risulta penalizzato più di ogni altro in materia infrastrutturale”.

Valentina Frasca

Tags
Mostra altro

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close