NewsRagusa

“Il quartiere barocco di Ibla, nel fine settimana, è invaso dalla spazzatura abbandonata”

Lo mette in rilievo il presidente dell’associazione politico culturale Ragusa in Movimento, Mario Chiavola, con specifico riferimento a quanto accaduto a Ibla, precisando che lo stesso problema si è verificato pure in alcune zone della periferia cittadina

(2 dicembre 2019)

“Il mancato ritiro dell’indifferenziato, venerdì scorso, a causa del malfunzionamento dell’impianto di Tmb a Cava dei modicani, ha procurato una serie di anomalie che meritano di essere evidenziate per far sì che non si ripetano”. Lo mette in rilievo il presidente dell’associazione politico culturale Ragusa in Movimento, Mario Chiavola, con specifico riferimento a quanto accaduto a Ibla. “Venerdì mattino, la maggior parte degli studenti del quartiere barocco – spiega Chiavola – ha lasciato i sacchi con i rifiuti esposti fuori dalle abitazioni contando sul fatto che sarebbero stati raccolti. Ovviamente quasi nessuno è rientrato nei propri alloggi visto che, essendo il fine settimana, gli studenti sono tornati direttamente, dopo le lezioni, nelle proprie città di residenza. Quindi, ieri sera, quando sono ritornati a Ibla, hanno trovato i mastelli capovolti e l’immondizia sparsa per terra. Stessa situazione che ha interessato alcuni pendolari, sempre residenti nel quartiere barocco, ma anche alcuni cittadini che avevano deciso di trascorrere il fine settimana fuori porta. Una circostanza che ha creato disagi non da poco, anche perché sabato e domenica c’è stato qualche turista in giro e ci siamo presentati con il nostro gioiellino barocco invaso dalla spazzatura abbandonata quasi dappertutto. Una scena davvero indecorosa”.

Chiavola precisa, inoltre, che lo stesso problema si è verificato pure in alcune zone della periferia cittadina, viale delle Americhe, via Deledda, via Togliatti e altre arterie stradali. “Auspichiamo che per il futuro, quando si verificheranno emergenze del genere – sottolinea il presidente di Ragusa in Movimento – possano essere individuate soluzioni all’altezza della situazione”.

Comunicato stampa

Tags
Mostra altro

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close