AgrigentoCaltanissettaIalmo NewsIn EvidenzaNewsRagusaSiracusaTrapani

“No alla super Camera di Commercio di Agrigento, Caltanissetta, Ragusa, Siracusa e Trapani”

La nota congiunta di sindaci interessati contrari all'accorpamento

(9 dicembre 2021 – Camera di Commercio)

“No alla super Camera di Commercio di Agrigento, Caltanissetta, Ragusa, Siracusa e Trapani”: questo è l’appello lanciato dai sindaci di tutti i Comuni interessati. Riportiamo per intero la loro nota congiunta:

Al Ministro per lo Sviluppo Economico
On. Giancarlo Giorgetti
Al Presidente della Commissione Bilancio alla Camera
On. Fabio Melilli
Ai componenti Deputati della Commissione Bilancio alla Camera
Al Presidente della Regione Siciliana
On. Nello Musumeci
Al Presidente dell’ARS
On Gianfranco Miccichè
All’Assessore Regionale Attività Produttive
On. Girolamo Turano
Al Presidente di Unioncamere
Dott. Andrea Prete
Al Presidente di Unioncamere Sicilia
Comm. Giuseppe Pace

“La super Camera di Commercio che si vuole creare attraverso l’emendamento al Decreto “Sostegni Bis” rappresenta un conglomerato che nulla aggiunge alla necessità di fornire un supporto alle imprese presenti nei nostri territori. Unire le realtà territoriali di Ragusa e Siracusa con Caltanissetta, Agrigento e Trapani determinerebbe uno scompenso operativo destinato a creare danni alle attività produttive quando, invece, in questo momento, il nostro unico pensiero dovrebbe essere quello di sostenere le economie locali. Magari l’intento sarà stato assolutamente lodevole ma quello che è ne è venuto fuori è un mostro giuridico, oltre che operativo, che renderà impossibile la vita delle nostre imprese. Il sistema camerale siciliano si ritrova inerme, a subire una decisione adottata esclusivamente dalla politica, calata dall’alto senza alcun tipo di confronto con le imprese dei territori e le associazioni di categoria che le rappresentano. Mentre in precedenza l’aggregazione tra le Camere di Commercio era un atto voluto dalle forze economiche e produttive, adesso si trovano a prendere atto di un percorso delineato da soggetti terzi. Inutile rammentare quanto questa decisione di aggregare territori tra loro molto lontani sia senza fondamento, anche solo per la mancanza di infrastrutture adeguate che permettano di integrare diverse aree geografiche. Chiediamo, dunque, alla politica nazionale che ha creato questo groviglio inestricabile di non dare seguito all’emendamento 28.1 “al D.L. 152 attuazione PNRR”, presentato dall’Onorevole Prestigiacomo (FI), e di procedere lungo l’unica strada che, al momento, appare possibile, quella, cioè, del “ritorno al passato” ripristinando quindi gli accorpamenti tra Catania – Ragusa e Siracusa da un lato e Agrigento – Caltanissetta e Trapani dall’altro”.

LEGGI ANCHE: Ragusa, l’isola nell’isola: il docu-film che racconta le ricchezze note e i tesori nascosti

LEGGI ANCHE: I problemi del pronto soccorso di Modica e la sanità siciliana a doppia velocità

VUOI RIMANERE SEMPRE INFORMATO? SEGUICI SU FACEBOOK

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button