In Evidenza

La Sicilia è una delle regioni più pericolose per i lavoratori: 13 i morti in più nel 2019

Gli incidenti sul posto di lavoro sono aumentati soprattutto a Palermo, Messina, Ragusa e Trapani: si parla di 516 infortuni. L'ultimo risale a questa mattina, a Vittoria

(16 settembre 2019)

Le morti causate da incidenti sul posto di lavoro sono in costante aumento. Un fenomeno che non ha a che fare con la sfortuna, bensì con la poca attenzione alla sicurezza. E la Sicilia, purtroppo, in tema di sicurezza si fa trovare piuttosto impreparata: si conferma, infatti, una delle regioni più pericolose per i lavoratori. Solo quest’anno, fino a luglio, si sono registrati 516 infortuni, i quali hanno causato 39 vittime, 13 in più rispetto lo stesso periodo dell’anno scorso: 29 nell’industria e servizi, 8 in agricoltura, 2 nel pubblico impiego. Gli infortuni sono in aumento soprattutto a Palermo, Messina, Ragusa e Trapani, con un’età compresa tra 55 e 69 anni. L’ultimo risale proprio a stamattina in contrada Alcerito, a Vittoria, dove un operaio è caduto da un’altezza di oltre 8 metri. Trasportato in elisoccorso a Catania, al momento non si conoscono le sue condizioni.

“Morire di lavoro non è colpa del destino, ma una diretta conseguenza della diminuita attenzione alla sicurezza dei luoghi di lavoro e del generale appesantirsi delle condizioni, frutto anche del protrarsi della crisi economica – scrive l’economista Franco Garufi commentando i dati Inail diffusi sul sito del Centro Pio la Torre -. Le aziende investono meno in sicurezza. Le lavoratrici ed i lavoratori sono pressati anche dal timore della perdita del posto di lavoro e riescono assai meno del passato ad organizzare iniziative di resistenza contro l’arretramento delle condizioni materiali nelle quali prestano la propria opera”.

Tags
Mostra altro

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close