Ialmo News

Ipotesi fusione CAS – ANAS: il Codacons pronto a fare ricorso in tribunale

“Siamo assolutamente contrari all’affidamento di nuove tratte autostradali ad Anas, e presenteremo ricorsi nelle sedi opportune contro qualsiasi provvedimento del Governo regionale che andrà in tale direzione, bloccando l’iter amministrativo”. Così il Codacons in riferimento alla notizia secondo cui l’Anas stia valutando di gestire direttamente due importanti appalti dal Consorzio Autostrade Siciliane. Il Codacons parla di “una dubbia assegnazione senza una gara di evidenza pubblica” e del fatto che “si tratterebbe, di fatto, di una pre-fusione”.

Se Anas è pronta a gestire altre tratte autostradali siciliane, noi siamo pronti ai ricorsi in Tribunale per impedire che il Governo regionale assegni all’ente nuovi km di autostrade” afferma il Codacons, commentando le dichiarazioni di Gianni Vittorio Armani, amministratore delegato di Anas.

La gestione della rete Anas in tutta Italia, infatti, per l’associazione dei consumatorinon solo non è soddisfacente, ma in alcune tratte si può definire “scandalosa”. Basti pensare al caso della Salerno-Reggio Calabria, simbolo assoluto della cattiva gestione dei lavori pubblici nel nostro paese e vera e propria vergogna italiana agli occhi del mondo, con i lavori terminati dopo addirittura 55 anni e costi abnormemente lievitati. Sotto gli occhi di tutti, poi, il pessimo stato di manutenzione delle autostrade siciliane gestite da Anas (L’autostrada A19 PA-CT, con il crollo nell’aprile 2015 delle pile 18,19 e 20 del viadotto Himera), e le strade “colabrodo” al centro di numerose inchieste giornalistiche e procedimenti giudiziari (Strada Statale 121, con il cedimento nel 2014 del viadotto in località Scorciavacche), che ne hanno evidenziato problematiche (buche, dissesto, scarsa sicurezza) e criticità sotto il profilo della gestione. Per tale motivo, e di fronte all’insoddisfazione degli utenti delle strade, affidare ad Anas ulteriori tratte autostradali in Sicilia non può rappresentare una soluzione corretta e condivisibile, e qualsiasi provvedimento in tal senso sarà oggetto di ricorsi amministrativi al Tar ed al CGA” conclude il Codacons.

Comunicato Stampa

 

 

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button