CataniaIalmo NewsIn EvidenzaNews

Catania – 27 denunce per maltrattamento di animali

Interrotte numerose corse clandestine, sequestrate stalle

(30 novembre 2021 – Catania – maltrattamento – animali)

Sono state 27 le persone denunciate nel 2021 per maltrattamenti di animali dai carabinieri di Catania, che hanno anche interrotto numerose gare clandestine di cavalli. A novembre ne hanno bloccata una a Nicolosi denunciando 7 persone ed elevando sanzioni per quasi 5.000 euro. A gennaio hanno denunciato due persone, padre e figlio, per aver fatto gareggiare un cavallo nelle campagne di Paternò. La successiva perquisizione nella stalla abusiva, sequestrata, ha permesso di rinvenire farmaci dopanti. Durante le operazioni sono stati identificati altri otto partecipanti alla gara clandestina, tutti denunciati, e sono state elevate sanzioni amministrative per oltre 25.000 euro. In un’altra operazione è stato denunciato un pregiudicato che teneva in una stalla abusiva tre cavalli, che sono stati sequestrati. Le sanzioni sono state di circa 20 mila euro. A giugno sono state denunciate sei persone che avevano fatto gareggiare alcuni cavalli in una manifestazione vietata a Camporotondo Etneo.

A settembre a Catania è stata riscontrata la presenza di numerose stalle abusive dove erano custoditi cavalli privi di microchip a cui erano stati somministrati farmaci senza prescrizione sanitaria o dopanti. I proprietari sono stati denunciati e sono state elevate sanzioni per oltre 30.000 euro. A novembre è stato sottoposto a fermo amministrativo un cavallo trovato dentro una stalla totalmente abusiva sita nel centro di Catania. Nel corso delle operazioni sono stati rinvenuti dei farmaci di sospetta natura dopante, motivo per cui il proprietario dell’animale è stato denunciato per l’utilizzazione di sostanze ad azione ormonica.

LEGGI ANCHE: Caltagirone – rifiuti: tre telecamere per identificare e multare gli incivili

LEGGI ANCHE: Maltempo in Sicilia: allarme semina a causa dei terreni allagati

VUOI RIMANERE SEMPRE INFORMATO? SEGUICI SU FACEBOOK

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button