Ialmo News

Black Friday, cos’è e come non farsi truffare. Confesercenti: “Acquistate nei negozi del territorio”

Anche in Italia il "venerdì nero" dello shopping è ormai realtà, e vale la pena seguire qualche semplice consiglio per fare dei buoni acquisti

(21 novembre 2018)

Una ricorrenza prettamente americana, legata al Giorno del Ringraziamento e che lancia ufficialmente la “campagna acquisti” per i doni di Natale. Ma, nell’era della globalizzazione e dell’e-commerce, non c’è nulla che resti entro i confini geografici di una nazione, soprattutto se si tratta di guadagni, e quindi ecco che il Black Friday è diventato un appuntamento imperdibile in ogni angolo del mondo, anche in Italia e in Sicilia.

Il Black Friday in salsa azzurra e sicula, però, come spesso accade con le tradizioni importate, è stato un po’ trasformato. Non un giorno ma una settimana intera (quando non un mese) di sconti; non aspettatevi, però, di trovare (soprattutto nei negozi, le cose vanno meglio on line), le mega offerte e le percentuali di sconto americane. E Confesercenti prova a fare un po’ di ordine, invitando alla prudenza e a rispettare alcune regole, se non si vuole incappare in qualche fregatura.

“Il ‘Black Friday’ è una bella iniziativa commerciale – dice Luigi Marchi, presidente provinciale della Confesercenti di Ragusa – ma come tutte le mode rischia di penalizzare gli esercenti locali ‘sorpassati’ dagli acquisti on line. Ecco perchè sento l’esigenza di lanciare un appello ai consumatori della provincia di Ragusa: acquistate nei negozi del territorio anziché on line. La crescita e lo sviluppo dell’economia di un territorio passa anche da questa scelta”.

Buona l’adesione delle aziende del territorio ibleo all’iniziativa. “Siamo soddisfatti della partecipazione delle aziende aderenti alla Confesercenti – dice Massimo Giudice , direttore della Confesercenti di Ragusa a quello che è diventato ormai un appuntamento molto atteso dai consumatori. Un’occasione per rinnovare il guardaroba in vista dell’inverno o per anticipare gli acquisti natalizi. Un giorno insomma per acquistare l’oggetto del proprio desiderio senza aspettare gennaio. L’’invito agli operatori economici è di fare di questa giornata un’opportunità di lavoro – aggiunge Massimo Giudice – rendendo più belle le vetrine, in un appuntamento speciale che muove e sollecita il consumatore agli acquisti. Speriamo che ci sia un’ampia adesione alla nostra sollecitazione a prolungare l’orario di apertura di negozi e pubblici esercizi”.

Quali sono, allora queste poche e semplici regole che vale la pena tenere a mente? Innanzitutto, pianificare gli acquisti e fare una lista di ciò che realmente serve, senza farsi abbagliare dalle percentuali di sconto. Diffidare da quelle eccessive e confrontare i prezzi, acquistando nei punti vendita in cui venga data all’acquirente la possibilità di cambiare la merce, così come previsto dalla legge, entro 14 giorni.

In linea di massima, è bene affidarsi, se si acquista on line, ai siti più conosciuti e meglio recensiti, verificando, eventualmente, anche la loro effettiva esistenza dell’azienda sul registro delle imprese. Insomma, un po’ quello che sarebbe bene fare quando iniziano i saldi. Nulla di nuovo sotto il sole, anche se da settimane non si parla d’altro.

Valentina Frasca

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi Anche
Close
Back to top button