Ialmo NewsIn EvidenzaNewsRagusa

Un anno fa il delitto di Peppe Lucifora. Perchè è stato ucciso?

Il carabiniere ancora in carcere, continua a dirsi innocente

Era una domenica pomeriggio di un anno fa quando la notizia della tragica morte del 57enne Peppe Lucifora scosse l’intera comunità modicana. Il cuoco, molto conosciuto in città per il suo lavoro e per la sua passione per la storia, le tradizioni e, soprattutto, per San Giorgio, venne trovato cadavere nella sua palazzina al terzo piano del quartiere Dente. Quel giorno Lucifora era atteso da una famiglia per un catering privato e fu il suo anomalo ritardo a insospettire i committenti che poi, tramite una vicina di casa, richiesero l’intervento dei familiari e, quindi, delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco che dovettero forzare l’ingresso per entrare in quell’appartamento. Una vicina di casa, il giorno seguente, ammise di aver sentito degli strani rumori provenire dall’appartamento di Lucifora nella notte tra sabato e domenica. Sin dalle prime battute quell’efferato omicidio apparve misterioso e inspiegabile, gli inquirenti iniziarono a scavare nella vita privata di Peppe Lucifora incentrandosi sulle sue frequentazioni omosessuali. Per mesi si ebbe l’impressione che gli inquirenti brancolassero nel buio, ma la svolta è arrivata con gli elementi studiati dagli uomini del Ris che per due giorni ispezionarono da cima a fondo la casa e i mezzi del cuoco modicano cercando, in quel disordine, le tracce dell’assassino. La svolta arrivò nel mese di giugno con l’arresto del carabiniere di Giarratana Davide Corallo che tutt’ora si trova rinchiuso nel carcere di Caltagirone. Il militare continua a dirsi innocente e fiducioso nella giustizia, rimane ignoto il movente e, nel frattempo, la vicenda è stata arricchita da contorni che l’hanno resa ancora più misteriosa come, ad esempio, le dichiarazioni del sacerdote di San Giorgio, don Giovanni Stracquadanio, su un testamento del quale Peppe gli aveva parlato, ma che non è mai stato trovato. In questi mesi di silenzio mediatico, gli inquirenti, coordinati dal Sostituto Procuratore Francesco Riccio, hanno continuato a sentire tante persone per cercare di chiarire meglio tutto ciò che ruotava attorno al cuoco. Molto presto potrebbe arrivare l’avviso di conclusione indagini, la Procura avrebbe tempo fino a giugno per notificare un eventuale rinvio a giudizio nei confronti di Corallo, ma negli ambienti si vocifera che qualcosa potrebbe muoversi prima. Intanto Peppe Lucifora sarà ricordato con una messa che sarà celebrata alle 18 di oggi nella chiesa Madonna delle Grazie a Modica.

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button