Ialmo NewsNewsRagusa

Ragusa ricorda tutte le vittime della mafia

Il 23 maggio ricorre l'anniversario della strage di Capaci

(21 maggio 2021 – Ragusa – vittime di mafia)

La Fondazione Giovanni Falcone, in occasione dell’anniversario della strage di Capaci, l’attentato mafioso costato la vita al giudice Falcone, alla moglie e alla scorta, avvenuto il 23 maggio del 1992, ha promosso un’iniziativa in memoria di tutte le vittime della mafia. Considerata l’emergenza sanitaria, ancora in corso, che impedisce l’organizzazione di cortei ed altre manifestazioni che possono provocare assembramenti, la stessa Fondazione ha chiesto ai sindaci dei principali comuni italiani per ricordare la Strage di Capaci e tutte le vittime della mafia, di esporre fin dai giorni precedenti l’anniversario dell’attentato, all’esterno dei municipi un grande lenzuolo bianco con l’immagine di Giovanni Falcone e quella di Paolo Borsellino, ucciso 57 giorni dopo la strage di Capaci.

Ieri, al Comune di Ragusa, si è svolta tale cerimonia nel corso della quale è intervenuto il Comandante Compagnia Carabinieri di Ragusa, Capitano Stefano Borghetto. A procedere all’esposizione sulla balconata di Palazzo di città del grande lenzuolo bianco che riproduce i volti dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino fatto avere dalla Fondazione Falcone tramite il Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, sono stati il sindaco Peppe Cassì ed il Comandante Compagnia Carabinieri, Capitano Stefano Borghetto, presente alla cerimonia il presidente del Consiglio Comunale Fabrizio Ilardo.

ragusa - vittime di mafia

Il sindaco Peppe Cassì, per l’occasione, si fa portavoce della proposta Fondazione Falcone che ha invitato tutti i cittadini affinché il 23 maggio prossimo espongano sui balconi delle loro abitazioni un lenzuolo bianco in memoria delle vittime della mafia. Una testimonianza dell’unità del Paese in una battaglia così importante.

LEGGI ANCHE: Ragusa – da oggi gli ortaggi bio a casa tua. Ecco come ordinarli

VUOI RIMANERE SEMPRE INFORMATO? SEGUICI SU FACEBOOK

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button