Ialmo NewsIn Evidenza

Mafia nigeriana, 19 fermi al Cara di Mineo

Le indagini della Squadra Mobile di Catania hanno permesso di ricostruire struttura e ruoli del sodalizio, caratterizzato dalla suddivisione sul territorio italiano in gruppi, con competenza su specifiche porzioni del territorio, in particolare individuando la cellula operante a Catania e provincia

(28 gennaio 2019)

Colpo alla mafia nigeriana. La polizia ha azzerato una cellula che aveva base al Cara di Mineo.

La banda di spacciatori di cocaina e marijuana operava in tutta Italia, ma aveva la base nel Catanese. 19 i fermi operati, su delega della Dda della Procura di Catania. Le indagini sono state condotte dalla Squadra Mobile di Catania e hanno portato alla scoperta di scontri tra gruppi rivali per il controllo delle comunità straniere presenti all’interno del Cara.

I fermati sono accusati, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere di tipo mafioso denominata “Vikings” o “Supreme Vikings Confraternity”, con l’aggravante dell’essere armata e finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope, detenzione, trasporto e cessione di sostanza stupefacente del tipo cocaina e marijuana, con l’aggravante dell’aver commesso il reato avvalendosi delle condizioni previste dall’art. 416 bis c.p. e al fine di agevolare l’attività dell’associazione di tipo mafioso denominata “Vikings” e violenza sessuale aggravata.

“Le indagini condotte dalla Squadra Mobile di Catania – si legge nel comunicato stampa inviato dalla Questura – hanno permesso di ricostruire struttura e ruoli del predetto sodalizio caratterizzato dalla suddivisione sul territorio italiano in gruppi, con competenza su specifiche porzioni del territorio, in particolare individuando la cellula, operante a Catania e provincia, con base operativa presso il Cara di Mineo (CT), dedita a commettere un numero indeterminato di delitti contro la persona, in materia di stupefacenti e contro il patrimonio, imponendo la propria egemonia sul territorio, opponendosi e scontrandosi con gruppi cultisti rivali al fine di assumere e conservare il predominio nell’ambito delle comunità straniere presenti all’interno di quel centro di accoglienza, creando un forte assoggettamento omertoso. Nel corso delle indagini – scrivono gli inquirenti – sono stati intercettati dei rituali dai quali emergeva la fedeltà dei sodali alla confraternita”.

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vedi Anche
Close
Back to top button