Ialmo NewsRagusa

Auto senza assicurazione, la Polizia ne “becca” quattro. Multe e sequestri

Nel corso dei controlli è stato arrestato un somalo che ha creato non poco scompiglio in centro, danneggiando l'impianto di un locale e aggredendo anche gli agenti

(4 giugno 2019)

L’Ufficio Volanti della Questura di Ragusa ha condotto negli ultimi giorni un’operazione di controllo straordinario del territorio con l’impegno di decine di pattuglie e la partecipazione del Reparto Prevenzione Crimine, con l’obiettivo, tra le altre cose, di reprimere l’annoso problema delle autovetture senza copertura assicurativa. In un giorno sono stati ben 4 gli autisti sanzionati e ai quali i mezzi sono stati sequestrati. Più di 500 sono state le persone controllate, 250 i mezzi fermati. Più di duemila le targhe sottoposte alla verifica elettronica degli apparati installati sulle Volanti.

Durante i controlli nel centro storico, a Ragusa, l’attenzione degli agenti è stata attratta da un somalo che, in escandescenza, aveva danneggiato parte della strumentazione utilizzata in un locale commerciale per la diffusione di musica. Immediato l’intervento dei poliziotti che hanno cercato di contenere l’uomo che, alla vista degli agenti, ha iniziato a minacciarli di morte cercando di colpirli. Nel tentativo di bloccarlo un agente è rimasto ferito, riportando lesioni ad una mano. L’intervento di un’altra pattuglia in ausilio ha permesso di bloccarlo definitivamente e portarlo negli uffici della Questura, ma anche qui l’uomo, con permesso di soggiorno per asilo politico, ha continuato a dimenarsi e a minacciare gli agenti ed è stato, infine, tratto in arresto per resistenza, violenza, oltraggio a pubblico ufficiale e lesioni personali. Su disposizione del P.M. di turno, Dott. Fornasier è stato condotto presso il carcere di Ragusa. Inoltre, le attività di controllo di soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale, ha condotto al deferimento di un arrestato domiciliare per il reato di evasione.

Tags
Mostra altro

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close