Neoaporia

 3,99

In linea con le tesi del Neoempirismo, il libro di Valerio Giuffrè cerca di dare delle risposte nuove e alternative ai grandi interrogativi dell’età contemporanea.

Svuota
COD: GA00011 Categoria:

In linea con le tesi del Neoempirismo, il libro di Valerio Giuffrè cerca di dare delle risposte nuove e alternative ai grandi interrogativi dell’età contemporanea. Partendo dalle teorie del filosofo greco Zenone di Elea, Giuffrè sostiene che l’universo non è un sistema ma un antisistema governato e anzi quasi in balia della casualità delle invenzioni tecnologiche e financo delle stesse scoperte scientifiche. La Neoermeneutica postcontemporanea che si viene delineando, diversamente dall’Ermeneutica contemporanea di Gadamer, Ricoeur, Rorty, non starebbe dunque nel linguaggio teologico ma nell’antilinguaggio filosofico perché tutto ciò che è linguaggio è dinamica e ciò che è antilinguaggio è statica. Questa sostanziale rivoluzione del pensiero implica anche una profonda riflessione sulla società e sulla massa che fagocita tutto e che si riproduce identica a vantaggio di ciò che non è. L’autore esprime dunque tutte le negatività derivate dal progresso-regresso del XXI secolo tanto che Neoaporia può a tutti gli effetti essere definito come “il manuale filosofico dello scetticismo del XXI secolo”. Un libro che tratta i grandi interrogativi filosofici con un linguaggio chiaro e diretto e ci offre l’occasione per riscoprire e reinterpretare non solo autori classici come Rousseau o Durkheim ma anche autori contemporanei come il filosofo e medico John Eccles, premio Nobel nel 1963.

Biografia dell'Autore

Nato a Colleferro, in provincia di Roma, Valerio Giuffrè si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università “La Sapienza” di Roma. Saggista in tematiche filosofiche ha pubblicato: Uno O l’Individuo (Milano, 1985); L’assoluta conoscenza umana (Milano, 1990); Seneca: senso o ragione (Roma, 1995); La metasensazione. Dall’homo sapiens all’homo naturalis (Roma, 2003); L’essere tra umanismo e umanesimo (Roma, 2009); DNA e anti-DNA (Roma, 2010); Il gene dell’immortalità (Roma, 2011); L’antimetafisica (Roma, 2012) per il quale ha ottenuto il Premio Spoleto 2012; La dialettica post contemporanea (Foggia, 2012); Antigenesi (Roma, 2014); La neofilosofia (Roma, 2014); Sulla follia di Marx-Engels (Roma, 2015); Umanismo e logos (Roma, 2016); Senofane (Roma, 2016); Sulle antinomie di Nietzsche e Maometto (Roma, 2017). Oltre ad essere filosofo e scrittore prolifico, Giuffrè è anche artista e pittore singolare ed eccentrico. Le sue opere coloratissime e astratte hanno ottenuto numerosi riconoscimenti: dal premio di Rieti sul “Risorgimento Italiano” col patrocinio del Presidente della Repubblica al premio di Spoleto “Festival Art 2011”. Giuffrè ha inoltre partecipato a numerose expo nazionali e internazionali a Padova, Spoleto, Carrera, Bruxelles, Salvador de Bahia, Parigi e New York. Nel dicembre 2013 al Maschio Angioino di Napoli gli è stato conferito il premio europeo “Oscar Wilde” per la cultura.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Neoaporia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close