Ialmo NewsNewsRagusa

Virtu Ferries, il sindaco di Modica e la campagna pubblicitaria con le vacche: atto secondo

"Non riusciamo a capire - replica il vettore maltese - perché sia stata considerata offensiva. La campagna siciliana è un’enorme attrazione per i turisti maltesi, che non hanno il privilegio di godere di aree verdi e incontaminate come quelle che offre l’altopiano ibleo"

(11 luglio 2019)

“Siamo a dir poco sorpresi dalla reazione del Sindaco di Modica al nostro annuncio pubblicitario. Virtu Ferries spende migliaia di euro l’anno per promuovere la Sicilia a Malta. Il nostro marketing copre diversi aspetti delle attrazioni turistiche siciliane. Questo particolare manifesto pubblicitario vuole promuovere il turismo siciliano rurale e le campagne che sono molto richieste dai turisti maltesi”. Ecco con quali parole inizia la nota con la quale il vettore maltese replica alle accuse del sindaco di Modica, Ignazio Abbate, relative all’ultima campagna pubblicitaria con la quale si invitano i turisti a visitare il Val di Noto e che non propone bellezze barocche o mare cristallino, ma vacche in fila indiana su trazzere di campagna.

“Migliaia di turisti maltesi visitano ogni anno la Provincia di Ragusa, – aggiunge Virtu Ferries – e tale fenomeno deve il suo contributo anche all’azione promozionale e di marketing che Virtu Ferries ha continuato a fare negli anni. Non riusciamo a capire perché una splendida foto raffigurante un aspetto del bellissimo territorio siciliano sia stata considerata offensiva da parte del Sindaco di Modica. Il Sindaco, forse, dimentica che la campagna Siciliana è un’enorme attrazione soprattutto per i turisti maltesi, che non hanno il privilegio di godere di aree verdi e incontaminate come quelle che offre l’altopiano ibleo con i suoi paesaggi agricoli, fonte di tutti quei prodotti caseari molto apprezzati dai cittadini maltesi – conclude, difendendo quindi la sua strategia di marketing – ed esportati quotidianamente proprio dalle aziende siciliane”. 

Valentina Frasca

Tags
Mostra altro

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close