Ialmo News

L’occhio di E-Motion sulle articolazioni muscolo-scheletriche dei pazienti

A Messina nasce una start up di giovani ingegneri specializzati nella biomeccanica

A Messina la biomeccanica non è più un miraggio: nasce E-Motion. Un gruppo di giovani ingegneri ha dato vita ad una start up il cui lavoro segna un passo importante nella ricerca scientifica e nelle metodologie all’avanguardia nel campo medico. E-Motion è uno strumento capace di monitorare il comportamento delle articolazioni dell’intero apparato muscolo scheletrico dei pazienti ospedalizzati. Un sistema, semplice nel suo utilizzo, ma futurista per le ricadute che, nel breve tempo, porterà ai ricercatori e quindi alla scienza. Utilizzando alcuni sensori applicati sul corpo, permetterà al medico di osservare i movimenti e le reazioni, a livello muscolo – scheletrico, di ciascun paziente. Grazie a E-Motion non sarà più un mistero seguire, passo dopo passo, i miglioramenti o i peggioramenti dello stato clinico del soggetto.

Una vera e propria scatola nera che racconterà ogni cosa. Lo farà, ovviamente, utilizzando gli ultimi sistemi in ordine medico per diagnosticare lo stato di salute: in terza dimensione. In sintesi, ogni passaggio nell’evoluzione del percorso clinico di un degente sarà monitorato e questa osservazione sarà fatta con una proiezione virtuale, utilizzando solo un computer. Un’operazione che consentirà di seguire più pazienti a distanza, senza necessariamente doverli visitare in sede ospedaliera.

Ad investire su questo progetto di portata straordinaria è stato l’istituto clinico Polispecialistico COT spa di Messina. Il progetto E-Motion dà il nome allo stesso dispositivo. Una start up giovane, dinamica ed innovativa fondata insieme ad altre due società leader nel settore NCS Lab srl (Carpi – MO), da Exactech Italia spa (Cazzago San Martino – BS) e l’Istituto Clinico Polispecialistico COT spa (Messina). Una incubatrice, da sempre, sul campo per ideare, progettare, sviluppare e commercializzare servizi e prodotti biomedici ad altissimo valore tecnologico.

Dalla sintesi tra l’analisi cinematica e l’elettromiografia di superficie viene fuori un algoritmo che permette di monitorerà determinati pattern motori e relative attivazioni muscolari che, messe da parte le indubbie notevoli valenze cliniche, rappresenterà un valido sostegno in campo medico-legale. Il medico potrà, così, esaminare, da remoto e dal vivo, le indagini e confrontarle con le analisi e i risultati precedenti. Anche gli ingegneri hanno sottolineato l’importanza di questo dispositivo, che offrirà un servizio semplice e puntualmente efficace. Sarà possibile rendere oggettivi i risultati di un trattamento chirurgico o di una terapia riabilitativa, monitorare il miglioramento di una patologia,  renderà fattibili esercizi di biofeedback, e permetterà al clinico di seguire da remoto i progressi del paziente, intervenendo in caso di bisogno. Aiuterà anche ad anticipare l’arrivo di patologie muscolo-osteo-articolari in ambito medico-sportivo.

L’Istituto Clinico Polispecialistico COT spa della città di Messina, dopo una delicata e attenta analisi curriculare, ha selezionato e scelto tre giovanissimi ingegneri messinesi che potranno, in questo modo, non solo contribuire allo sviluppo del progetto, ma essere testimoni di un cammino verso l’avanguardia medica e specialistica.

C.L.

 

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button