Ialmo NewsNewsRagusa

Due processioni e una devozione sconfinata: ieri Monterosso Almo ha festeggiato la sua regina

Il simulacro della Madonna Addolorata, dopo la celebrazione eucaristica di metà mattina, presieduta dal vescovo della diocesi di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta, è uscito dal santuario accolto dal suono festoso delle campane e dai giochi pirotecnici

(16 settembre 2019)

Ieri era la terza domenica di settembre. E, come ormai da tradizione secolare, tutta Monterosso Almo è scesa in piazza per onorare la patrona e protettrice, come accade sin dal 1644, del centro montano. Il simulacro della Madonna Addolorata, dopo la celebrazione eucaristica di metà mattina, presieduta dal vescovo della diocesi di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta, è uscito dal santuario accolto dal suono festoso delle campane e dai giochi pirotecnici. E’ stato, soprattutto, il lancio di “’nzaiarieddi” di colore celeste, e non solo, a calamitare l’attenzione delle centinaia di fedeli e devoti presenti in piazza Sant’Antonio. Subito dopo, guidata dall’arciprete don Giuseppe Antoci, ha preso il via la processione di mezzodì per le vie principali del centro mentre il pregevole simulacro è stato accompagnato da migliaia di devoti alla Madonna al grido di “Viva a Beddamatri”. Ieri pomeriggio, poi, si è svolta la tradizionale “cena”, ovvero la vendita all’asta dei doni, tra cui prodotti tipici e soprattutto le specialità dolciarie preparate dalle casalinghe del posto. Tra questi la “pagnuccata”, il torrone e i cannoli. In serata, la folkloristica processione vespertina che, tra due ali di folla, si è conclusa col rientro in chiesa Madre del simulacro della Vergine Addolorata, condotto a spalla dai devoti. L’impresa ecologica Busso Sebastiano, che gestisce il servizio di igiene ambientale in città, ha garantito per l’occasione una pulizia straordinaria delle aree interessate dal passaggio del corteo.

Immancabili, poi, i giochi d’artificio che sia la mattina, subito dopo l’uscita, che in periodo notturno, quasi a conclusione della processione, hanno rappresentato una spettacolare cornice per un evento religioso che, ancora una volta, ha messo in luce l’amore filiale che intercorre tra l’Addolorata e i cittadini di Monterosso Almo. E’ stato il sindaco Salvatore Pagano ad affidare, inoltre, la cittadina montana alla protezione materna della Vergine. Stiamo, parlando, del resto, di una festa che ha origini antiche e che ha preso il via nei giorni scorsi con il novenario in chiesa Madre. Qui il simulacro è stato nuovamente sistemato, a conclusione di tutte le celebrazioni, sull’altare maggiore.

Comunicato stampa

Tags
Mostra altro

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close