Ialmo NewsRagusa

Corrieri della droga albanesi in manette, e non avevano neanche il permesso di soggiorno

Ben nascosto nella loro auto, in un vano appositamente ricavato nel filtro dell’aria, un involucro contenente due pezzi di cocaina da oltre un chilogrammo. Ora sono in carcere

(11 marzo 2019)

La Polizia di Ragusa ha arrestato due uomini albanesi corrieri di droga, di 20 e 28 anni domiciliati a Ragusa. Una pattuglia della Squadra Mobile di rientro da un servizio fuori città notava un veicolo con targa albanese che procedeva verso il capoluogo ibleo. Lungo il tragitto il conducente ed il passeggero sembravano controllare continuamente la strada come per verificare la presenza di Polizia. Gli operatori, considerate le circostanze, procedevano al controllo; entrambi gli albanesi erano particolarmente collaborativi fornendo ogni informazione e dei passaporti, senza avere alcun titolo di soggiorno per permanere in Italia. I due asserivano di andare a Ragusa dove dimoravano, ma di non avere permesso di soggiorno perché turisti.

Effettuati i dovuti controlli si decideva di accompagnare gli albanesi presso gli uffici della Squadra Mobile di Ragusa per un dovuto controllo presso l’Ufficio Immigrazione. L’atteggiamento dei due destava ancora sospetto pertanto si procedeva ad un controllo del veicolo che inizialmente aveva dato esito negativo. La macchina non risultava rubata e i documenti albanesi erano regolari, ma alcune parti del motore sembravano da poco smontate. Questo elemento faceva ancor più incuriosire gli agenti di Polizia che procedevano a smontare qualche pezzo. Così, da un approfondito controllo, veniva tirato fuori da un vano appositamente ricavato nel filtro dell’aria, un involucro contenente due pezzi di sostanza stupefacente del peso complessivo di oltre 1.1 kg.

La droga veniva subito consegnata alla Polizia Scientifica per le analisi con narcotest che davano subito esito positivo alla cocaina. I due sono ora a disposizione della Procura della Repubblica di Ragusa, rinchiusi presso il carcere ibleo. Le indagini continuano.

 

Tags
Mostra Altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close