Ialmo NewsNewsRagusa

Furti in casa, auto in fiamme e atti di vandalismo: preoccupati i commercianti di Pozzallo

Il presidente cittadino di Confcommercio, Giuseppe Cassisi: “Serve una maggiore presenza delle forze dell’ordine sul territorio comunale”

(17 maggio 2019)

Furti nelle abitazioni, siringhe insanguinate nel centro storico, auto in fiamme, atti vandalici nelle scuole, vandali che prendono di mira pure le attrezzature di pubblica fruizione. Così come opere pubbliche che ancora devono essere consegnate. E, come se non bastasse, ambulantato selvaggio. Un quadro a dir poco deficitario che crea preoccupazioni in serie. Ecco perché il presidente cittadino Confcommercio Pozzallo, Giuseppe Cassisi, chiede maggiore attenzione alle istituzioni e alle forze dell’ordine. “Quanto accaduto nelle ultime settimane – sostiene Cassisi – non può passare sotto silenzio. E’ indispensabile garantire un minimo di serenità agli operatori commerciali e, più in generale, ai cittadini di questa bella realtà che ha in sé grandi potenzialità ma che non può davvero fare i conti con questa situazione complicata. Ecco perché è necessario ottenere delle risposte efficaci e concrete rispetto alle richieste di ordine pubblico che si sollevano da più parti. Altrimenti diventa davvero difficile andare avanti. Servirebbe maggiore presenza di vigili urbani, di carabinieri e di agenti di polizia in giro per la città”.

Gianluca Manenti

A rafforzare le richieste provenienti dal presidente Cassisi, anche il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti. “Sappiamo – sottolinea quest’ultimo – che l’amministrazione comunale si sta dando da fare per garantire dei segnali in tale direzione. Però, è evidente che tutto questo, finora, non basta. Siamo pronti a fare la nostra parte, nel rispetto pieno del nostro ruolo, ma è evidente che Pozzallo deve ritornare a splendere come accadeva una volta, senza ombre e senza timori di nessun tipo per chi ci abita e per chi decide di visitarla”.

Comunicato Stampa

Tags
Mostra altro

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close