Ialmo NewsNewsRagusa

Rifiuti per la strade di Ragusa. Federico (M5S): “Diverse zone interessate. Occorre fare di più”

"Ci vorrebbe una task force per frenare l’ondata di incivili e maleducati, sul piano ambientale, che, ancora adesso, mette a rischio il decoro della nostra Ragusa. E forse qualche altro contenitore sul territorio urbano servirebbe a dare risposte più appropriate"

(18 ottobre 2019)

“Ci sono zone della nostra città che purtroppo, ancora oggi, e lo dico a malincuore perché si tratta di un discorso di civiltà difficile da fare attecchire, almeno con riferimento a qualcuno che ancora insiste a tenere questi comportamenti incivili, fanno registrare la presenza di sacchi di spazzatura abbandonati sui marciapiedi come se fosse la cosa più naturale del mondo. Se episodi del genere si verificavano con maggiore frequenza nel centro storico, adesso stanno cominciando a fare capolino anche in altre zone di Ragusa, come ad esempio in via Teocrito e in via Salvemini, così come segnalato da alcuni cittadini, vale a dire a due passi dalla parte alta di via Giuseppe Di Vittorio”. E’ il consigliere comunale del M5S Ragusa, Zaara Federico, a segnalarlo chiedendo l’intervento di palazzo dell’Aquila con l’obiettivo di contenere un fenomeno che, nonostante gli sforzi, avviati da più parti, stenta a essere debellato. “Siamo convinti del fatto che si tratti, soprattutto, di un problema di cultura ambientale – continua Federico – di coscienza civica ma fino a quando non ci sarà un’azione sistematica di controllo difficilmente riusciremo a venirne a capo. In questo senso la telesorveglianza sembra essere l’unica risposta per cercare di frenare questo indecente fenomeno che deturpa le vie della nostra città”.

“Ma è così difficile fare la differenziata? O forse è più difficile mettersi in regola e continuare a non pagare la Tari preferendo, così, la scelta di insozzare la città? Nei giorni scorsi, – dice la Federico – il sindaco aveva detto che avrebbe intensificato l’azione di sorveglianza da parte della polizia locale. Forse, però, da sola non basta. Ci vorrebbe, come dire, una task force per frenare l’ondata di incivili e maleducati, sul piano ambientale, che, ancora adesso, mette a rischio il decoro della nostra Ragusa. E forse qualche altro contenitore sul territorio urbano servirebbe a dare risposte più appropriate. Anche perché stiamo parlando di un fenomeno che, oltre a essere insopportabile, è soprattutto inaccettabile”.

Comunicato stampa

Tags
Mostra altro

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close