In Evidenza

Stop a inutili corsi di formazione, sagre e patrocini: fondo speciale o la Sicilia sprofonda

Appello di Damigella, a nome degli industriali iblei, a Musumeci: soldi a garanzia di prestiti e mutui alle imprese e stop alle pensioni d’oro dei ‘regionali’

(29 marzo 2020)

Prendere tutti i soldi destinati ad inutili corsi di formazione, a feste, sagre e patrocini vari e metterli in un fondo speciale a garanzia delle banche per l’erogazione di prestiti e mutui a tutte le partite Iva, imprese piccoli e grandi.

E’ l’appello al presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, lanciato da un gruppo di industriali di cui si fa portavoce Giovanni Leonardo Damigella.

“Damigella, che guida un’azienda per la lavorazione del marmo, con sedi a Chiaramonte Gulfi e filiali a Valderice (TP), Massa e Verona – si legge in una nota alla stampa – parla a nome di un gruppo di industriali della provincia di Ragusa e chiede un incontro con il presidente per sottoporgli una serie di provvedimenti urgenti per rilanciare l’economia in Sicilia che rischia seriamente di sprofondare nel Medioevo assoluto, con pericolo di rivolte popolari”.

Damigella suggerisce al governatore isolano di “dirottare tutti i fondi stanziati per gli inutili corsi di formazione e per feste, sagre e patrocini vari allo scopo di creare un fondo a garanzia delle banche affinché possano erogare mutui e prestiti a tutte le partite IVA, a imprese piccole e grandi. Solo così si eviterà il tracollo”.

Damigella affronta anche il problema dell’emergenza sanitaria che ha colpito le regioni del Nord e, in maniera finora più contenuta, le regioni del meridione d’Italia. Ricorda che “la Lombardia e il Veneto si sono attrezzate da sole nel reperire mascherine, guanti e ventilatori polmonari, oltre a quelli ricevuti dallo Stato, comprandoli con i propri soldi”. L’invito implicito rivolto a Musumeci è che anche la regione siciliana si muova nella stesa direzione. Lamenta inoltre la mancanza di controlli nei confronti di chi, rientrando dal nord, è arrivato in Sicilia spiegando che, per contrastare questo fenomeno, si sarebbe dovuto e potuto far ricorso all’esercito, ma anche ai forestali, numerosi nella nostra isola “per pattugliare le entrate verso l’isola”.

Ricorda infine che “dopo la guerra al coronavirus ci sarà un dopoguerra che farà più morti del Covid 19 se non si interverrà tempestivamente” e chiede, tra le altre misure urgenti di “tagliare le pensioni d’oro dei regionali, se necessario. Questo si chiama bene comune”.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close