In Evidenza

Incroci pericolosi sulla Ragusa-Mare. I residenti di Poggio del Sole: “Limite a 50 km/h come a Camemi”

"Si tratta di un'arteria davvero pericolosa, la macchine sfrecciano in maniera incontrollata, e noi rischiamo la vita tutti i giorni. Qualcuno deve intervenire"

(31 luglio 2019)

“Qualcuno deve intervenire, quel tratto di strada è davvero pericoloso, e noi che lo percorriamo ogni giorno non possiamo continuare a rischiare”: è questo il grido di allarme lanciato dai residenti del villaggio Poggio del Sole in merito alla pericolosità del crocevia con la Sp 25 Ragusa-Mare. Un’arteria, da sempre, al centro di molte polemiche, tantissimi gli incidenti verificatosi a causa dell’alta velocità, e non solo, e i residenti che la percorrono anche più volte al giorno devono cercare di evitare qualche brutale impatto. Noi di Ialmo abbiamo registrato il loro appello e raccolto le loro segnalazioni. A raccontarci meglio la questione è stato Peppe Metallo, in qualità di portavoce dei residenti: “Scendendo da Ragusa, chi deve girare per entrare nel villaggio, riscontra seri problemi perché le macchine, essendo in un rettilineo lungo, sfrecciano a destra e a sinistra in maniera incontrollata. Stessa cosa per chi sale da Marina di Ragusa e vuole girare al resort Poggio del Sole. Se poi, più macchine si trovano nello stesso momento a dover svoltare, è chiaro che il rischio aumenta notevolmente”.  Il portavoce continua:Chiediamo, quindi, da ormai troppo tempo più sicurezza nell’incrocio, e sappiamo che una rotatoria potrebbe regolarizzare il traffico e porre fine ai nostri problemi quotidiani. Ma siamo anche coscienti che sarà di difficile realizzazione, soprattutto per un discorso economico”.  

La rotatoria potrebbe rendere l’arteria e le varie intersezioni più sicure, ma anche se fosse presentato un progetto, si sa che i tempi potrebbero essere molto lunghi, e gli abitanti non possono più aspettare. Si tratta di una strada provinciale, per cui non si è ancora capito se la competenza ricada sul Comune di Ragusa, o meno. Ma di chiunque sia la competenza, noi residenti chiediamo delle soluzioni immediate – prosegue Metallo – ad esempio il limite a 50 km/h come quello che è stato introdotto lo scorso marzo tramite un’ordinanza sindacale, a contrada Camemi, sulla Sp 25 in un tratto tra il Km 14+935 ed il km15+850. Non tutti lo rispettano, questo purtroppo si sa, per cui chiediamo delle pattuglie, dei posti di blocco in più e dei controlli con apparecchiatura Telelaser”.

Una soluzione già attuata per garantire maggiore sicurezza al centro abitato di Camemi, e che i residenti di Poggio del Sole chiedono a gran voce. Bisogna davvero aspettare che si verifichi un grave incidente stradale affinché si intervenga?

Claudia Trapani

Tags
Mostra altro

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close