In Evidenza

Denunciato il pirata della strada che ieri sera ha travolto un pedone, a Modica

E' un modicano di 76 anni, le prime analisi hanno escluso sostanze alcoliche e/o psicotrope nel sangue. La vittima, anch'essa modicana, è grave ed è al Cannizzaro di Catania

(22 marzo 2019)

Ieri sera, quando erano da poco passate le 21, ha investito un pedone della strada in via Nazionale, a Modica, riducendolo in fin di vita, ed è fuggito senza prestare soccorso. Adesso il pirata è stato individuato e denunciato, grazie ad una immediata indagine avviata dalla Polizia Municipale e ad una serie di accertamenti sul posto, oltre che al racconto di alcuni testimoni oculari. Considerata la gravità dell’incidente, dopo l’intervento dell’ambulanza, sono state allertate tutte le sale operative competenti sul territorio e poco dopo le 23 si è presentata in Commissariato una donna che ha saputo fornire elementi molto utili. Gli agenti, infatti, sono andati nell’abitazione dell’uomo e qui, dopo aver constatato la compatibilità del danno riportato all’autoveicolo con la dinamica del sinistro stradale, lo hanno condotto in ufficio.

Polizia di Stato e Polizia Locale stanno andando avanti insieme nell’attività investigativa. L’autovettura è stata sottoposta a sequestro e l’investitore, un modicano di 76 anni, sottoposto ad esami al fine di verificare l’eventuale presenza di sostanze alcoliche e/o psicotrope nel sangue, ma il risultato è stato negativo. L’uomo è stato deferito, secondo quanto convenuto di concerto con l’Autorità Giudiziaria, per omissione di soccorso e lesioni personali stradali gravi o gravissime. Gli è stata subito ritirata la patente, rinnovata da poco.

La vittima, un modicano di 64 anni, soccorsa dal 118 è stata inizialmente ricoverata in Rianimazione, in condizioni gravissime a causa di un trauma cranico – facciale e ad un ematoma con emorragia cerebrale. In nottata è stato trasferito all’Ospedale “Cannizzaro” di Catania e la prognosi, ovviamente, è riservata.

Valentina Frasca

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button