EnnaIalmo NewsNews

Violenza sessuale, città divisa su sacerdote indagato

"Una comunità che rema contro gli stessi appelli di Papa Francesco, che chiede trasparenza, quella che non c'è"

(18 febbraio 2021 – violenza sessuale – sacerdote)

A Enna è in corso uno scontro tra “innocentisti” e “colpevolisti”. La città si divide sulla vicenda che ha come protagonista don Giuseppe Rugolo, il sacerdote indagato per violenza sessuale dopo la denuncia presentata da una presunta vittima che all’epoca dei fatti era minorenne.

“Una comunità che rema contro gli stessi appelli di Papa Francesco, che chiede trasparenza, quella che non c’è, a partire dal vescovo di Piazza Armerina, Rosario Giasana che, appena raccolta la denuncia della presunta vittima, non ha sospeso il prete ma lo ha trasferito nel ferrarese, dove continua ad occuparsi di giovani”. Così Francesco Zanardi, presidente Nazionale di Rete l’Abuso, un’associazione di Savona, che raccoglie 1000 persone che hanno denunciato abusi da parte di religiosi, risponde alla costituzione di un Comitato in difesa del sacerdote indagato.

Di tutt’altro parere il Comitato spontaneo che si è costituito a Enna dopo la notizia dell’inchiesta: “In questo momento buio vogliamo fare sentire la nostra vicinanza a Padre Rugolo – dice una delle promotrici del in una intervista al quotidiano La Sicilia -. In poco tempo si è creato un movimento fatto anche dalle mamme che hanno affidato i propri figli per partecipare al Grest”.

RIMANI INFORMATO, SEGUICI SU FACEBOOK

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button