Ialmo NewsNewsRagusa

Ennesimo abbandono a Ragusa…ma questa volta si tratta di Giggione!

Monito contro l’abbandono di rifiuti e animali

(10 giugno 2021 – Ragusa – abbandono)

Ennesimo abbandono a Ragusa, ma questa volta si tratta di Giggione. Quest’opera buffa è stata creata per incentivare le sterilizzazioni, e per sensibilizzare la gente a non abbandonare animali e rifiuti. Un semplice abbandono, non solo emotivamente, ma anche fisicamente, può “annientare un cane”; da ciò, inoltre, scaturiranno future cucciolate sul territorio, abbandonate anch’esse da chi dovrebbe tutelarle,  che moriranno per le varie malattie, o investiti sotto le auto, o peggio ancora accalappiati, per poi passare il resto della propria vita “se vita può definirsi” tra sbarre e cemento freddo, senza aver nessuna colpa se non quella, appunto, di essere stati abbandonati e traditi anche da chi diceva di amarli.

I numeri sono scandalosi, sia quelli dei decessi che dei cani finiti in strutture, dove ci sono più entrate che uscite e nelle quali,  per mancanza di posti, vi sono molte deportazioni in “strutture lager” dove la salute e la vita del cane non ha nessun valore, dove  si guarda solo e soltanto il prezzo al ribasso. Dunque, abbandonarli significa condannarli a morte.

I volontari – Marco Guastella, Roberta Garibotti, Veronica Di Lorenzo e Ilaria Battaglia – chiedono quindi all’Amministrazione Locale che si inizi a fare sul territorio qualcosa di concreto, ricordando anche le promesse non mantenute, e che si dia voce in capitolo anche ad associazioni e volontari, importantissimo se si vuole risolvere un problema che oramai va avanti da troppo tempo.

Quintali di rifiuti vengono abbandonati ogni giorno sul territorio ibleo, causando gravissimi danni alla natura e alla nostra salute. Infine ringraziamo i privati cittadini,  le associazioni organizzate e tutti coloro che giornalmente spendono tempo e denaro, per cercare di risolvere i suddetti problemi.

LEGGI ANCHE: Covid Ragusa, i dati aggiornati del 10 giugno

VUOI RIMANERE SEMPRE INFORMATO? SEGUICI SU FACEBOOK

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button