Ialmo NewsIn EvidenzaNewsRagusa

Covid Ragusa, ecco alcuni dati sui vaccinati e non

La media dei soggetti contagiati è di 35 anni

(20 luglio 2021 – Covid Ragusa – vaccinati)

In provincia di Ragusa il virus continua a correre e, dopo il lieve calo registrato domenica scorsa, i numeri sono di nuovo in aumento. Secondo i dati riportati sul quotidiano La Sicilia, a contagiarsi sono soprattutto i giovani, la media d’età dei positivi in provincia, infatti, è di 35 anni. Tra i nuovi casi pare ci sia lo zampino delle varianti, ma su questo dato si attendono ancora le conferme da parte dei tecnici del Policlinico di Catania che stanno esaminando una serie di campioni provenienti da Ragusa. Inoltre, tra i contagiati ragusani, circa il 40% è vaccinato, mentre il 60% non lo è. A Ragusa, quindi, il Covid 19 corre tra i giovani, ma poi a finire in ospedale sono invece gli anziani, anche se nelle ultime 24 ore c’è un calo. I ricoverati al Giovanni Paolo II di Ragusa sono passati dai 21 ai 16 di oggi, di questi, 3 sono in Terapia Intensiva.

Dalla situazione Covid alla Campagna vaccinale che, come da consuetudine, nella giornata di domenica (ultimo aggiornamento disponibile) ha subito una flessione rispetto ai giorni precedenti. Se per tutta la settimana appena trascorsa, infatti, la campagna ha viaggiato abbondantemente sopra la soglia delle 3 mila somministrazioni giornaliere, il 18 luglio le dosi inoculate sono state 2.436 (domenica scorsa erano state 2450, mentre sabato le somministrate erano state 3140). Dei vaccini inoculati domenica, 458 sono stati destinati alle prime dosi e 1.978 ai richiami. Per quanto riguarda gli hub, sempre nella giornata del 18 luglio, 704 dosi di vaccino sono state inoculate in quello di contrada Beneventano a Modica, 146 in contrada Zagarone a Scicli, 932 nel centro fieristico Emaia di Vittoria, 53 al Civile di Ragusa e 579 al PalaMinardi.

LEGGI ANCHE: Covid Ragusa, i dati del 20 luglio: altro aumento dei positivi e un decesso

VUOI RIMANERE SEMPRE INFORMATO? SEGUICI SU FACEBOOK

Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button