Ialmo NewsNewsRagusa

Coronavirus, altri due casi in provincia di Ragusa, 35 finora: 4 guariti, 2 morti, 7 ricoverati

Si tratta di due persone entrate in contatto con due pazienti già risultati positivi. In arrivo da fuori provincia un ottavo ricoverato. Convenzione con la clinica del Mediterraneo per 52 posti letto

(29 marzo 2020)

Altri due nuovi pazienti positivi al Covid 19 in provincia di Ragusa, secondo quanto riscontrato nella notte dal laboratorio di analisi del Giovanni Paolo II. Lo conferma l’Azienda sanitaria provinciale che puntualizza: entrambi sono contatti di due pazienti già positivi, segno della alta infettività del virus, soprattutto nella fase sintomatica.

Attualmente sono 7 i ricoverati nel reparto di malattie infettive, anche se nelle prossime ore è atteso l’arrivo, nel medesimo reparto, di un ottavo paziente proveniente da un’altra provincia, in condizioni non gravi.

“Non si ferma quindi – si legge in una nota dell’Asp – l’attività di controllo nei pronto soccorso e degli ospedali della provincia e l’attività dei biologi del laboratorio di analisi dell’ospedale Giovanni Paolo II, che, senza tregua, processano i tamponi raccolti in questi giorni, in attesa di aumentare ancor di più l’attività di prelievo di tamponi, che da domani sarà sensibilmente incrementata, in armonia con le direttive assessoriali. Nel frattempo è stata anche approvata una convenzione con la Clinica del Mediterraneo che mette a disposizione dell’Asp di Ragusa 52 posti letto in caso dovesse presentarsi la necessità di trasferire tempestivamente pazienti non affetti da CoViD19 per liberare i reparti e assistere le persone vittime dell’epidemia. Deve restare altissimo il livello di attenzione da parte di tutti, soprattutto in questi prossimi giorni che ci vedranno impegnati a far fronte a quella che è una ondata epidemica senza precedenti per il nostro sistema sanitario”.   In provincia di Ragusa, complessivamente, sono 35 i casi positivi di cui 4 guariti, 2 deceduti, 7 ricoverati.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close