Bandi e FinanziamentiIalmo News

Trentasette milioni alle imprese per la riduzione dei consumi energetici

Il bando pubblicato sul sito istituzionale del dipartimento regionale all'Energia

Trentasette milioni di euro per ridurre i consumi energetici delle aziende siciliane, il bando predisposto dal dipartimento dell’Energia è già pubblicato sul sito web istituzionale dell’assessorato.

La misura è destinata alle micro, piccole, medie e grandi imprese per ammodernare l’intero processo produttivo e introdurre fonti energetiche rinnovabili. Il bando rientra tra gli interventi previsti dall’azione 4.2.1 del Fondo europeo di sviluppo regionale e prevede un finanziamento complessivo di 37 milioni così ripartiti: quasi ventotto milioni riservati alle Pmi (micro, piccole e medie imprese), mentre 9,2 milioni per le grandi imprese.

Tali interventi – commenta il presidente della Regione, Nello Musumeci – permetteranno alle nostre aziende di ammodernare i propri cicli produttivi, mettendosi al passo con i tempi e riducendo così il gap energetico che le separa da altre realtà presenti sul territorio nazionale. In questo momento di grande difficoltà economica, attivare queste risorse assume un’importanza strategica non solo per le nostre imprese, ma anche e soprattutto per la tutela dell’ambiente. In particolare, saranno presi in considerazione gli interventi di efficienza energetica, tra cui l’installazione di impianti di rifasamento; di trasformatori elettrici Mt/Bt a basse perdite; di motori elettrici a più elevata efficienza; di inverter su motori elettrici o compressori; la sostituzione di caldaie a tecnologia obsoleta; il recupero di cascami termici”.

Rispetto al passato – aggiunge l’assessore all’Energia, Alberto Pierobon – questo governo ha scelto una politica energetica che privilegi strategicamente le piccole e medie imprese. Un percorso più impegnativo, ne siamo consapevoli, che però abbiamo deciso di seguire ugualmente perché le tantissime micro aziende siciliane hanno bisogno di essere più sostenute per essere competitive“.

Per accedere al contributo, l’intervento previsto deve determinare complessivamente un risparmio di almeno il venti per cento rispetto al fabbisogno annuo di energia dell’azienda stessa. Per la quasi totalità delle imprese, il contributo a fondo perduto sarà del 65 per cento per la sostituzione di impianti e attrezzature e dell’80 per cento per la produzione e accumulo di energia per l’auto consumo. (G.C.)

Tags
Mostra Altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close