ARSIalmo News

Quattro milioni di euro per interventi alla Scala dei Turchi e a Cavagrande

La somma ha origine da una rimodulazione del Fondo di sviluppo e coesione per interventi destinati alle aree di Siracusa, Catania e Agrigento

(15 ottobre 2018)

Con una decisione del presidente della Regione, Nello Musumeci, nella qualità di Commissario del governo nazionale per il dissesto idrogeologico, sono stati destinati quasi quattro milioni di euro, attraverso una determinante rimodulazione del Fondo di sviluppo e coesione, per tre interventi di ordine urgente per le province di Agrigento, Siracusa e Catania.

Di questa cifra considerevole fanno parte 417mila euro nella disponibilità del Comune di Realmonte, da utilizzare per i lavori di messa in sicurezza del costone roccioso che sovrasta la spiaggia di Scala dei Turchi, luogo divenuto patrimonio mondiale dell’Unesco e meta ogni anno di decine di migliaia di turisti.

“La Scala dei Turchi e la Riserva di Cassibile potranno tornare presto al loro splendore, dopo anni di abbandono”. Così ha commentato la decisione presa dalla Giunta il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. Una decisione condivisa e sostenuta dallo stesso assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro, che, nei giorni scorsi, si era recato nelle aree interessate per verificare di persona lo stato e la condizione di abbandono.

Altri due milioni di euro sono stati destinati per la Riserva naturale orientata di Cavagrande, che ricade a cavallo di tre comuni del Siracusano: Avola, Cassibile e Siracusa. L’area protetta è chiusa da quattro anni per i danni provocati da un incendio sul costone roccioso del sentiero Scala Cruci. Infine, un ultimo intervento pari a 1,5 milioni di euro rivolto al consolidamento del costone roccioso, a difesa del centro abitato di piazza De Gasperi ricadente nel Comune di Vizzini.

Saranno gli uffici del Commissario, coordinati dal soggetto attuatore Maurizio Croce, a gestire tutti gli interventi.

Cristina Lombardo

 

Tags
Mostra Altro

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close